www.LeMieScienze.net

 

Torna alla home page

Resta aggiornato sulle novità del sito

Inviaci una mail

 

 
 

Cause dei movimenti delle placche

 

 Materiale per la scuola superiore

 

Argomenti simili:

 

- La temperatura all'interno della Terra - scuola elementare

- La teoria della deriva dei continenti - scuola media

- La teoria dell'espansione dei fondali oceanici - scuola media

- La teoria della tettonica a zolle - scuola media

- Le placche litosferiche - scuola superiore

- La teoria della deriva dei continenti - scuola superiore

- Il paleomagnetismo - scuola superiore

- I punti caldi e i movimenti delle placche - scuola superiore

 
 

 

 
MOTI CONVETTIVI

A far muovere le placche litosferiche sarebbe il calore terrestre.

Nella zona del mantello situata sotto la litosfera, a causa delle elevate temperatura e delle differenze tra queste, si formano dei grandi moti convettivi.

Come sappiamo, l'astenosfera è formata da rocce parzialmente fuse per effetto delle elevate temperature. Questo materiale caldo e fluido tende a salire verso l'alto. Una volta raggiunta la litosfera, più fredda, le rocce fuse si raffreddano e formano nuova litosfera.

Molto probabilmente le placche litosferiche sono proprio la parte superiore e fredda di queste celle convettive.

Moti convettivi nel mantello

 

 

MOVIMENTI DELLA LITOSFERA

La litosfsera, non rimane ferma, dato che viene spostata dal movimento circolare delle celle convettive.

Quando, una volta che la corrente ascendente di due celle convettive vicine, scende in sensi opposti, la litosfera viene tirata verso direzioni opposte: di conseguenza si assottiglia e si spezza.

Si viene a formare, così, una spaccatura dalla quale risale il materiale caldo proveniente dall'astenosfera.

Celle convettive

 

 

Quando, una volta che la corrente ascendente di due celle convettive vicine, scende nello stesso senso, le placche litosferiche si avvicinano, consumandosi a causa di fenomeni di subduzione.

Celle convettive

 

 

ROCCE BASALTICHE E ROCCE GRANITICHE

Le rocce basaltiche presenti nei fondali marini, per effetto dei moti convettivi, si rinnovano di continuo mediante la formazione di nuove rocce e il consumo di quelle vecchie. Proprio per questo motivo non esistono fondali oceanici che siano più vecchi di 200 milioni di anni.

Le rocce granitiche che si trovano sulla superficie terrestre, invece, essendo più leggere non danno luogo a fenomeni di subduzione: quindi non si rinnovano di continuo. Esse vengono consumate solamente da fenomeni di erosione. Per questo motivo, sulla superficie terrestre troviamo rocce vecchie anche di 3 miliardi e mezzo di anni fa.

 

Altri argomenti sul modellamento della Terra, sui vulcani e i terremoti

 

 

 
 
 
Gli argomenti presenti sul sito

 

SchedeDiGeografia.net
 
StoriaFacile.net
 
LezioniDiMatematica.net
 
www.DirittoEconomia.net
 
www.EconomiAziendale.net
 
MarchegianiOnLine.net
 

Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. 

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore. Le immagini presenti sul sito non hanno alcun rigore scientifico e hanno lo scopo esclusivo di favorire la comprensione dei testi.

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681