www.LeMieScienze.net

 

Torna alla home page

Resta aggiornato sulle novità del sito

Inviaci una mail

 

 
 

La teoria della deriva dei continenti

 

 Materiale per la scuola superiore

 

Argomenti simili:

 

- La Terra è sempre stata così? - scuola elementare

- La teoria della deriva dei continenti - scuola media

- La teoria dell'espansione dei fondali oceanici - scuola media

- La teoria della tettonica a zolle - scuola media

- Le placche litosferiche - scuola superiore

- Il paleomagnetismo - scuola superiore

- I punti caldi e i movimenti delle placche - scuola superiore

- Cause dei movimenti delle placche - scuola superiore

 
 

 

 
PANGEA E PANTHALASSA

Nel 1915 il metereologo tedesco Alfred Wegener pubblicò un libro nel quale affermava che il continente sudamericano e quello africano, un tempo, erano uniti e formavano un unico continente al quale egli diede il nome di Pangea

La Pangea, secondo la teoria di Wegener, era circondata da un unico oceano detto Panthalassa.

 

Pangea e Panthalassa

TEORIA DELLA DERIVA DEI CONTINENTI

Sempre secondo Wegener, la Pangea, successivamente si divise in varie parti, corrispondenti agli attuali continenti, che si allontanarono fino ad assumere le attuali posizioni.

Questa teoria prese il nome di teoria della deriva dei continenti.

Noi oggi sappiamo che non sono i continenti a spostarsi, ma le placche litosferiche. Ciò nonostante, l'idea di Wegener, secondo la quale tutte le terre emerse, circa 250 milioni di anni fa, formavano un solo continente e che successivamente si sono divise, era corretta.

 

PROVE A SOSTEGNO DELLA TEORIA DELLA DERIVA DEI CONTINENTI

La teoria di Wegener nasceva dalla osservazione che, la forma di alcune coste dell'America meridionale e dell'Africa, corrispondono. A ciò, si aggiungerebbero altre prove:

  • la distribuzione geografica di alcuni fossili;
  • l'uguaglianza di talune rocce presenti in regioni molto lontane le une dalle altre;
  • i climi di epoche passate.

 

Teoria della deriva dei continenti

 

DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA DI ALCUNI FOSSILI

Wegener osservò che i fossili di mesosauro, un piccolo rettile vissuto 240 milioni di anni fa, sono stati ritrovati solamente in due zone del pianeta: il Brasile e il Sudafrica. In mezzo a queste due regioni vi è l'Oceano Atlantico. 

L'esame del fossile di questo animale dimostra che esso viveva nelle acque dolci e basse e non era in grado di nuotare nelle alte acque salate dell'oceano. Questo fa ipotizzare che Sudamerica e Africa siano stati un tempo uniti.

 

UGUAGLIANZA DI ALCUNE ROCCE

Alcune rocce presenti nel continente sudamericano sono simili a quelle che si trovano in Africa.

Inoltre, alcune catene montuose che si trovavano nell'Europa nordoccidentale oltre 300 milioni di anni fa, e che attualmente sono erose, sembrerebbero quasi proseguire nel continente Nordamericano, come se i due continenti fossero stati uniti un tempo.

 

Teoria della deriva dei continenti

 

CLIMI DI EPOCHE PASSATE

In Antartide sono stati rinvenuti giacimenti di carbon fossile. Come sappiamo questo combustibile si forma  da sostanze organiche vegetali. Questo dimostrerebbe che un tempo, in questa zona, vi era una vegetazione lussureggiante, cosa che non si concilia con l'attuale clima della regione.

Invece, in Sudafrica, Sudamerica ed Australia, sono stati trovati dagli antichi depositi rocciosi di origine glaciale che prendono il nome di tilliti. Questo fa ipotizzare che, in passato, in tali regioni fossero presenti i ghiacciai.

Queste considerazioni dimostrerebbero che la posizione dei continenti è cambiata nel corso del tempo in modo da trovarsi in zone climatiche molto diverse rispetto a quelle attuali.

 

CRITICHE ALLA TEORIA DELLA DERIVA DEI CONTINENTI

La teoria della deriva dei continenti fu, all'epoca, fortemente criticata soprattutto perché Wegener non riuscì a chiarire in modo convincente quali fossero le cause dello spostamento dei continenti.

Inoltre, i geologi dell'epoca, osservarono che:

  • il fatto che le coste di alcuni continenti combacino è puramente casuale dato che la costa è soggetta a continui fenomeni di erosione e, dunque, a cambiamenti nella forma;
  • le rocce magmatiche e sedimentarie ritrovate su coste opposte di diversi continenti non sono perfettamente identiche, così come la flora e la fauna presente nei vari continenti;
  • non erano chiare le ragioni per le quali la Pangea, rimasta unita per lungo tempo, poi iniziò a dividersi.

 

TEORIA DELLA TETTONICA A PLACCHE

Tra gli anni '60 e '70, nuove osservazioni geologiche e nuove scoperte hanno permesso di mettere a punto la teoria della tettonica a placche che ha spiegato in modo molto più completo il processo di formazione dei vari continenti.

 

Altri argomenti sul modellamento della Terra, sui vulcani e i terremoti

 

 

 
 
 
Gli argomenti presenti sul sito

 

SchedeDiGeografia.net
 
StoriaFacile.net
 
LezioniDiMatematica.net
 
www.DirittoEconomia.net
 
www.EconomiAziendale.net
 
MarchegianiOnLine.net
 

Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. 

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore. Le immagini presenti sul sito non hanno alcun rigore scientifico e hanno lo scopo esclusivo di favorire la comprensione dei testi.

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681