GLI ESSERI VIVENTI

Materiale per la scuola media
Argomenti simili:
Esseri viventi e non viventi - scuola elementare
Gli organismi viventi - scuola superiore

MOBILITA'

Cosa differenzia un organismo vivente da un corpo non vivente?

Potremmo essere tentati di rispondere: "La mobilità", dato che un organismo vivente (l'uomo, un cane, un piccione) si muove, mentre un essere non vivente è un oggetto immobile (un sasso, un libro, un banco, ecc..).

In realtà non è così e alcuni esempi ce lo dimostrano: una pianta non si muove, invece una macchina o un robot si muovono. Eppure nessuno mette in dubbio che una pianta sia un essere vivente, mentre tutti sappiamo che una macchina o un robot non lo sono.

Quindi, la mobilità, seppure è una caratteristica di molti esseri viventi non ci permette di distinguerli dagli organismi non diventi.

REATTIVITA'

Un'altra caratteristica che hanno gli esseri viventi è la reattività, cioè la capacità di reagire agli stimoli provenienti dall'ambiente. Ad esempio: le piante orientano le loro foglie verso la luce, gli insetti volano via se li scacciamo con una mano, il cane scodinzola quando vede il pradrone, ecc..

Possiamo allora dire che la reattività è una caratteristica presente in tutti gli esseri viventi, ma essa è presente a volta anche negli organismi non viventi. Ad esempio: un lampione si può accedere al passaggio di una persona, le porte dei supermercati si aprono quando ci avviciniamo ad esse.

Quindi la reattività è tipica di tutti gli esseri viventi, ma non solo di questi.

CICLO VITALE

Per rispondere alla domanda dobbiamo allora porre la nostra attenzione su una caratteristica che hanno solamente gli esseri viventi, ovvero il ciclo vitale.

Ogni essere vivente compie un ciclo vitale, cioè nasce, cresce, si riproduce ed infine muore. Nell'arco di questo ciclo, l’organismo subisce delle continue modificazioni: si pensi ad un animale che dapprima è un cucciolo, poi cresce ed infine invecchia.

Il ciclo vitale è presente in tutti gli esseri viventi mentre, al contrario, non riguarda gli esseri non viventi.

FUNZIONI VITALI

Durante la loro vita gli esseri viventi compiono delle funzioni vitali, cioè una serie di funzioni che sono necessarie affinché l'organismo si tenga in vita:

  • nutrirsi;
  • digerire;
  • eliminare le sostanze di scarto;
  • respirare.

ORGANIZZAZIONE CELLULARE

A caratterizzare gli esseri viventi e a distinguerli dai non viventi c'è anche l'organizzazione cellulare. COn questa espressione intendiamo dire che che ogni essere vivente è composto da cellule, cosa che non accade per gli organismi non viventi.

La cellula è la più piccola unità di cui di cui è formato un organismo vivente.

ADATTAMENTO ALL'AMBIENTE ED EVOLUZIONE NEL TEMPO

Altre due caratteristiche degli esseri viventi sono:

  • l'adattamento all'ambiente;
  • l'evoluzione nel tempo.

Gli esseri viventi sono anche in grado di adattarsi all'ambiente nel quale vivono.

Questi ambienti sono diversi per condizioni climatiche, per la presenza o meno di acqua, per l'aspetto (montagna, foreste fitte, deserti, ecc..).

Gli stessi esseri viventi riescono a vivere in ambienti tanto diversi adattandosi alle differenti condizioni ambientali in modo da poter sopravvivere.

Così, ad esempio, la lepre artica ha il matentello rossiccio in estate, ma d'inverno, quando l'ambiente circostante è coperto di neve, il suo mantello diventa bianco in modo da confondersi facilmente.

 
 
 


SchedeDiGeografia.net

Storiafacile.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

EconomiAziendale.net

MarchegianiOnLine.net

Newsletter

Se vuoi essere informato ogni volta che il nostro sito viene aggiornato, iscriviti alla newsletter