ROCCE SEDIMENTARIE ORGANICHE

Materiale per la scuola superiore
Argomenti simili:
Le rocce - scuola media
Le rocce sedimentarie - scuola media
Rocce sedimentarie: schema - scuola media
Le rocce sedimentarie - scuola superiore
Rocce sedimentarie chimiche - scuola superiore
Rocce sedimentarie clastiche - scuola superiore

ROCCE SEDIMENTARIE ORGANICHE

Le rocce sedimentarie organiche sono rocce formatesi dalla sedimentazione e dalla cementazione di frammenti di organismi viventi come gusci, scheletri, coralli, spugne.

Queste rocce prendono anche il nome di rocce organogene.

Frammenti di tali organismi possono essere presenti anche nelle rocce sedimentarie clastiche. Le rocce sedimentarie organiche, però, sono rocce formate esclusivamente da frammenti di origine organica.

COMPOSIZIONE CHIMICA

Le rocce organogene sono composte prevalentemente da carbonato di calcio.

Ciò è dovuto al fatto che, proprio il carbonato di calcio è la sostanza prelevata dal mare, da parte dei molluschi, degli invertebrati, delle spugne, dei coralli per la costruzione dei loro gusci.

Quando questi organismi muoiono la parte molle del loro corpo si decompone, mentre le parti dure si vanno a depositare sul fondo dei mari dove vengono consolidati formando il calcare organogeno.

Vi sono, però, anche rocce organogene non calcaree. Tra queste, le più conosciute sono le selci che sono formate da silice. Queste rocce, molto spesso, sono composte da organismi unicellulari.

La selce è un materiale estremamente duro: proprio per questa ragione, nella preistoria, essa veniva usata per fare le punte delle frecce e le armi da taglio.

ROCCE CALCAREE ORGANOGENE

Nelle rocce calcaree organogene, a volte, i resti di gusci sono piccolissimi e visibili solamente al microscopio. Un esempio è rappresentato dalla maiolica, una roccia molto bianca usata in edilizia.

Altre volte, invece, nella roccia è possibile individuare i resti degli organismi che li hanno originati. Un esempio è dato dal calcare a nummuliti dove si può vedere con facilità una conchiglia a forma di moneta.

BARRIERA CORALLINA

Le barriere coralline, diffuse soprattutto nelle zone tropicali, sono il luogo privilegiato di formazione delle rocce sedimentarie organiche.

Esse sono plasmate dall'accumulo degli scheletri di coralli e madrepore.

Le Dolomiti sono un esempio di barriere coralline formatesi in oceani che attualmente sono scomparsi. Queste rocce sono composte da un carbonato di calcio e magnesio che prende il nome di dolòmia.

 
 
 


SchedeDiGeografia.net

Storiafacile.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

EconomiAziendale.net

MarchegianiOnLine.net

Newsletter

Se vuoi essere informato ogni volta che il nostro sito viene aggiornato, iscriviti alla newsletter