www.LeMieScienze.net

 

Torna alla home page

Resta aggiornato sulle novità del sito

Inviaci una mail

 

 
 

La legge di Hubble

 

 Materiale per la scuola superiore

 

Argomenti simili

 

- Le origini dell'Universo - scuola media

- Il futuro dell'Universo - scuola media

- Le teorie sull'origine dell'Universo - scuola superiore

- Teoria dell'Universo stazionario - scuola superiore

- Il Big Bang e la teoria dell'universo inflazionario - scuola superiore

 
 

 

 
EFFETTO DOPPLER

Nel 1842, il fisico austriaco Johann Christian Doppler si mise accanto ai binari di una ferrovia per ascoltare il suono proveniente dal vagone di un treno in movimento in cui stavano suonando dei musicisti. Egli osservò che:

  • quando il vagone si avvicinava egli percepiva un suono più alto;
  • quando il vagone si allontanava egli percepiva un suono più basso.

 

La teoria elaborata da Doppler, e chiamata per l'appunto effetto Doppler, afferma che, data un'onda emessa da una sorgente, la lunghezza d'onda (o frequenza) percepita da un osservatore in movimento  cambia. E' da notare che la frequenza dell'onda non cambia, ma cambia ciò che percepisce l'osservatore.

Questo effetto lo possiamo notare chiaramente con il suono di un'ambulanza. Quando un'ambulanza a sirene spiegate si avvicina a noi, noi percepiamo un suono più forte, mentre via via che l'ambulanza si allontana il suono ci sembra meno forte fino a non percepirlo più. In realtà l'intensità del suono non cambia e la nostra percezione che cambia. Quando l'ambulanza si avvicina, la distanza che l'onda sonora deve percorrere per giungere fino a noi si riduce, mentre aumenta quando l'ambulanza si allontana.

 

EFFETTO DOPPLER E LUCE

L'effetto doppler si applica a qualsiasi tipo di onda.

Per quanto riguarda, in particolare, la luce la conseguenza di tale effetto è:

  • uno spostamento verso il rosso delle righe spettrali nel caso in cui la sorgente luminosa si allontana;
  • e uno spostamento verso il blu delle righe spettrali nel caso in cui la sorgente luminosa si avvicina.

 

 

LEGGE DI HUBBLE

Nel 1929 l'astronomo statunitense Edwin Powell Hubble osservando alcune galassie notò che i loro spettri avevano un sistematico spostamento verso il rosso. Da questo dedusse che le galassie si allontanano.

Inoltre Hubble affermò che la velocità con la quale le galassie si allontanano è tanto maggiore quanto più esse sono lontane: questa legge è nota come legge di Hubble.

Inoltre Hubble notò che il rapporto tra la velocità di allontanamento delle galassie e la distanza dalla Terra è costante: essa è una grandezza nota che prende il nome di costante di Hubble. Quindi:

 v/d = H

dove

v è la velocità di allontanamento delle galassie espressa in km/s

d è la distanza dalla Terra espressa in megaparsec

Ho è la costante di Hubble

 

UNIVERSO IN ESPANSIONE

Tutto ciò farebbe pensare che l'Universo si stia espandendo.

L'Universo si comporterebbe come un palloncino di gomma sul quale sono disegnati dei puntini che rappresentano le galassie.

Quando il palloncino viene gonfiato i punti si allontanano l'uno dall'altro, esattamente come fanno le galassie nell'Universo.

Universo in espansione

 

 

 Altri argomenti sull'ambiente celeste

 

 

 
 
 
Gli argomenti presenti sul sito

 

SchedeDiGeografia.net
 
StoriaFacile.net
 
LezioniDiMatematica.net
 
www.DirittoEconomia.net
 
www.EconomiAziendale.net
 
MarchegianiOnLine.net
 

Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. 

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore. Le immagini presenti sul sito non hanno alcun rigore scientifico e hanno lo scopo esclusivo di favorire la comprensione dei testi.

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681