www.LeMieScienze.net

 

Torna alla home page

Resta aggiornato sulle novità del sito

Inviaci una mail

 

 
 

I terremoti

 

 Materiale per la scuola superiore

 

Argomenti simili:

 

- I terremoti - scuola elementare

- I terremoti - suola media

 
 

 

 
TERREMOTI

Il terremoto, o sisma, è una vibrazione del suolo causata dall'energia elastica che viene liberata dalle rocce sottoposte a forze di vario tipo.

Per energia elastica si intende l'energia che si accumula in un corpo elastico sottoposto a deformazione.

La parola terremoto viene dal latino terrae motus, cioè movimento della terra, mentre il termine sisma deriva dal greco seimós, che significa scossa.

 

CAUSE DI UN TERREMOTO

Le rocce, se sottoposte a spinte o pressioni, tendono a deformarsi fino a quando non viene raggiunto il limite di rottura. Una volta che questo limite viene superato, il perdurare di tali forze, comporta la rottura della roccia in due parti: in questo modo si forma una faglia. I due blocchi di roccia venutisi a creare si spostano in modo molto repentino. Proprio in questo momento, l'energia elastica accumulata viene trasformata in energia cinetica dando origine a delle vibrazioni che si propagano sotto forma di onde sismiche.

I terremoti si possono verificare:

  • sia nel caso di formazione di una nuova faglia;
  • sia nel caso di una faglia preesistente, quando i due blocchi di roccia, dopo un certo periodo, riprendono a spostarsi lungo il piano di faglia. Si parla, in questi casi, di terremoti ricorrenti.

 

IPOCENTRO ED EPICENTRO

Il punto, all'interno della Terra, in cui ha origine il sisma si dice ipocentro. Da questo punto le onde sismiche si propagano, affievolendosi, mano a mano che ci si allontana da esso.

Il punto della superficie terrestre posto sulla verticale dell'ipocentro, prende il nome di epicentro.

 

 

 

 

Ipocentro ed epicentro

PROFONDITA' DEL TERREMOTO

A seconda della profondità dell'ipocentro i terremoti si distinguono in:

  • terremoti profondi, il cui ipocentro è compreso tra i 300 e i 700 km di profondità;
  • terremoti intermedi che hanno un ipocentro compreso tra i 50 e i 300 km di profondità;
  • terremoti superficiali, nel caso in cui l'ipocentro si trova a meno di 50 km di profondità.

 

La maggior parte dei terremoti sono superficiali: questi sono anche i terremoti che provocano i maggiori danni.

Allo stato attuale non sono mai stati registrati terremoti ad una profondità superiore a 700 km. Questo fa ritenere che, ad una maggiore profondità, le rocce siano maggiormente duttili e riescano a deformarsi senza rompersi.

 

SCOSSE SECONDARIE

Normalmente, in un terremoto si verifica una scossa principale, la più forte, seguita da una serie di scosse di minore intensità, dette scosse secondarie che possono perdurare nel tempo anche per mesi.

Una volta che il terremoto cessa, le rocce in profondità hanno raggiunto un nuovo assetto e riprendono ad accumulare energia fino alla formazione di una nuova faglia o alla ripresa dell'attività di una faglia preesistente.

 

MAREMOTO

Quando il terremoto si verifica in mare, si parla di maremoto

In prossimità delle coste le onde possono raggiungere anche i 30 metri con effetti rovinosi sui centri abitati: in questi casi si parla di tsunami.

Maremoto

 

Altri argomenti sul modellamento della Terra, sui vulcani e i terremoti

 

 

 
 
 
Gli argomenti presenti sul sito

 

SchedeDiGeografia.net
 
StoriaFacile.net
 
LezioniDiMatematica.net
 
www.DirittoEconomia.net
 
www.EconomiAziendale.net
 
MarchegianiOnLine.net
 

Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. 

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore. Le immagini presenti sul sito non hanno alcun rigore scientifico e hanno lo scopo esclusivo di favorire la comprensione dei testi.

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681