www.LeMieScienze.net

 

Torna alla home page

Resta aggiornato sulle novità del sito

Inviaci una mail

 

 
 

I vari tipi di onde sismiche

 

 Materiale per la scuola superiore

 

Argomenti simili:

 

- Le onde sismiche - scuola media

- Le onde sismiche e la conoscenza della Terra - scuola superiore

 
 

 

 
TIPI DI ONDE SISMICHE

Durante un terremoto vengono liberati tre tipi di onde sismiche:

  • le onde P;
  • le onde S;
  • le onde L.

 

Le onde P e le onde S sono onde interne, cioè onde che si propagano all'interno del pianeta. Invece, le onde L, si propagano a partire dall'epicentro.

 

ONDE P

Le onde P sono onde di compressione: al passaggio dell'onda, le particelle di roccia oscillano avanti ed indietro nella stessa direzione in cui si propaga l'onda.

Le onde P sono le più veloci, per questo sono le prime ad essere percepite. 

Esse hanno un'importante caratteristica: si propagano sia nella rocce compatte, che nel magma, ma anche nell'acqua e nell'aria.

 

Onde P

 

ONDE S

Le onde S sono onde trasversali o di taglio: al passaggio dell'onda, le particelle di roccia oscillano perpendicolarmente rispetto alla direzione di propagazione dell'onda.

Queste onde provocano un cambiamento della forma delle rocce, ma non del loro volume. 

Le onde S sono meno veloci delle onde P: di conseguenza sono percepite solo dopo un certo intervallo di tempo rispetto alle onde P.

Esse, a differenza delle onde P, non attraversano i liquidi.

Onde S

 

ONDE L

Una volta che le onde P e le onde S hanno raggiunto l'epicentro, in superficie si propagano delle altre onde, le onde L, dette anche onde lunghe o onde superficiali.

Esse sono più lente sia rispetto alle onde P che alle onde S, però si propagano anche a migliaia di chilometri di distanza. Sono le onde più pericolose che provocano i maggiori danni.

Queste onde si possono propagare in forme diverse, a seconda di come hanno raggiunto la superficie le onde P e le onde S, ad esempio, possono provocare oscillazioni delle particelle delle rocce trasversali rispetto alla direzione di propagazione.

 

Onde L

L'ampiezza delle onde L permette di determinare l'energia liberata dal terremoto, cioè la magnitudo.

 

VELOCITA' DELLE ONDE

La velocità di propagazione delle onde dipende, anche, dal tipo di rocce attraversate.

La loro velocità è maggiore quando l'onda attraversa un materiale rigido e denso.

Chiaramente, dato un certo materiale, ad esempio il granito, le onde P impiegano meno tempo ad attraversarlo rispetto alle onde S.

L'intervallo di tempo che passa tra la rilevazione, da parte dei sismografi, delle onde P e quella delle onde S, permette di determinare la distanza tra l'epicentro del terremoto e la stazione di rilevamento. Immaginiamo che l'epicentro si trovi ad una distanza x rispetto alla stazione di rilevamento e che il tempo che intercorre tra il rilevamento delle onde P e quello delle onde S, sia pari a t. Ora, se aumenta la distanza x tra l'epicentro e la stazione di rilevamento, aumenta anche il tempo t che intercorre tra la percezione delle onde P e quello delle onde S.

 

Altri argomenti sul modellamento della Terra, sui vulcani e i terremoti

 

 

 
 
 
Gli argomenti presenti sul sito

 

SchedeDiGeografia.net
 
StoriaFacile.net
 
LezioniDiMatematica.net
 
www.DirittoEconomia.net
 
www.EconomiAziendale.net
 
MarchegianiOnLine.net
 

Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. 

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore. Le immagini presenti sul sito non hanno alcun rigore scientifico e hanno lo scopo esclusivo di favorire la comprensione dei testi.

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681