LE BRIOFITE

Materiale per la scuola superiore
Argomenti simili:
Le briofite - scuola media

EVOLUZIONE DELLE PIANTE

Le briofite, molto probabilmente, si sono sviluppate dall'evoluzione delle alghe verdi.

Esse sono le prime piante ad essersi diffuse sulla terraferma: cosa che è avvenuta durante il Paleozoico.

CLASSIFICAZIONE DELLE BRIOFITE

Le briofite sono piante non vascolari, cioè prive di vasi nei quali scorrono l'acqua e i sali minerali.

Esse si dividono in:

  • muschi, che rappresentano la forma più diffusa di briofite;
  • epatiche;
  • sfagni.

CARATTERISTICHE DELLE BRIOFITE

Le briofite sono piante:

  • non dotate di un sistema vascolare poiché sono prive di tessuti conduttori a parete lignificata. Tutte le parti della pianta sono in grado di assorbire acqua;
  • non divise in fusto, radici e foglie. Esse sono dotate di rizoidi che servono ad ancorare la pianta al terreno;
  • di piccole dimensioni. In genere sono poco più lunghe di alcuni centimetri, tranne nelle forme acquatiche;
  • che crescono in ambienti umidi in quando hanno bisogno dell'acqua per riprodursi.

Nelle briofite è presente sia la riproduzione asessuale, che avviene per divisione o mediante la produzione di gemme, sia la riproduzione sessuale che si verifica grazie alle cellule spermatiche le quali si spostano per mezzo dell'acqua in modo da raggiungere le cellule uovo di altri individui.

La fase prevalente del ciclo vitale è quella del gametofito che è in grado di svolgere la fotosintesi clorofilliana e che ha dimensioni maggiori rispetto allo sporofito.

Lo sporofito non è ancorato al suolo, ma vive costantemente attaccato al gametofito dal quale trae il nutrimento necessario.

 
 
 


SchedeDiGeografia.net

Storiafacile.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

EconomiAziendale.net

MarchegianiOnLine.net

Newsletter

Se vuoi essere informato ogni volta che il nostro sito viene aggiornato, iscriviti alla newsletter