www.LeMieScienze.net

 

Torna alla home page

Resta aggiornato sulle novità del sito

Inviaci una mail

 

 
 

Il buco dell'ozono

 

 Materiale per la scuola superiore

 

Argomenti simili:

 

- L'inquinamento dell'aria - scuola elementare

- Cos'è il buco dell'ozono? - scuola elementare

- Cos'è la deforestazione? - scuola elementare

- L'inquinamento atmosferico - scuola media

- L'inquinamento atmosferico - scuola superiore

- L'effetto serra - scuola superiore

- Cos'è l'inversione termica? - scuola superiore

 
 

 

 
OZONOSFERA 

Nella Stratosfera è presente uno strato chiamato Ozonosfera dove vi è un'elevata presenza di ozono, un gas molto prezioso che svolge una funzione di filtro impedendo ai raggi ultravioletti emessi dal Sole di raggiungere la Terra. Questi raggi, infatti, se giungessero in grandi quantità sul nostro pianeta, risulterebbero pericolosi per gli esseri viventi.

Infatti, i raggi ultravioletti possono essere causa di problemi alla vista, alla pelle e di malformazioni sui nascituri.

L'Ozonosfera è in grado di assorbire il 90% dei raggi ultravioletti.

 

CLOROFLUOROCARBURI

I clorofluorocarburi (la cui formula chimica è CFCl3 e la cui sigla è CFC) sono dei gas composti da cloro, fluoro e carbonio.

Essi sono impiegati nelle bombolette spray e nei circuiti di raffreddamento dei frigoriferi

Questi gas sono particolarmente pericolosi per l'Ozonosfera dove arrivano in tempi molto lunghi e senza subire alcun cambiamento.

I clorofluorocarburi sono, inoltre, anche dei gas serra.

 

OZONOSFERA

L'ozono è una molecola formata da tre atomi di ossigeno (O3), anziché 2 come l'ossigeno che respiriamo (O2).

Nell'Ozonosfera avvengono reazioni chimiche, provocate dai raggi ultravioletti, che portano ad una continua costruzione e demolizione di molecole di ozono: questi processi avvengono in modo tale che la velocità con la quale si formano le molecole di ozono è la stessa con la quale esse si distruggono in modo da garantire sempre la presenza della stessa quantità di molecole. 

Negli strati sovrastanti l'Ozonosfera, i raggi ultravioletti spezzano le molecole ordinarie di ossigeno dando vita a due atomi di ossigeno indipendenti. Essi, scendendo nell'Ozonosfera, reagiscono con due molecole di ossigeno e formano due molecole di ozono.

Le molecole di ozono, assorbendo i raggi ultravioletti, vengono nuovamente dissociati in una molecola ordinaria di ossigeno e un atomo di ossigeno. Quest'ultimo si unisce nuovamente ad una molecola ordinaria di ossigeno dando nuovamente vita ad una molecola di ozono.

 

Come si forma l'ozono

 

BUCO DELL'OZONO

I clorofluorocarburi sono gas  molto leggeri che raggiungono l'Ozonosfera. 

Qui, i raggi ultravioletti, spezzano le loro molecole liberando il cloro, il quale, a sua volta, spezza le molecole di ozono.

Il cloro si lega, successivamente, all'atomo di ossigeno staccatosi dall'ozono impedendo così la formazione di una nuova molecola di ozono.

Poiché la presenza dei clorofluorocarburi, impedisce la formazione di nuovo ozono nell'Ozonosfera, si crea un vero e proprio buco in questo strato dell'atmosfera, detto appunto buco dell'ozono, attraverso il quale i raggi ultravioletti raggiungono la superficie terrestre. 

Buco dell'ozono

 

SCOPERTA DEL BUCO DELL'OZONO

Il buco dell'ozono è stato scoperto per la prima volta negli anni '70, quando alcuni scienziati si accorsero che vi era un pericoloso assottigliamento dello strato di ozono contenuto nella Stratosfera in corrispondenza del continente antartico.

 

PROTOCOLLO DI MONTREAL

Negli anni '80 molti paesi hanno sottoscritto il Protocollo di Montreal impegnandosi ad eliminare i clorofluorocarburi e ad impiegare sostanze che non provochino danni all'ozono.

Secondo alcuni studiosi ciò potrebbe portare alla chiusura del buco dell'ozono, anche se il processo di autoriparazione è molto lento. A ciò va aggiunto che altri fattori, come le eruzioni vulcaniche e il riscaldamento totale del pianeta, possono rallentare tale processo.

 Altri argomenti sull'aria e l'atmosfera

 

 

 
 
 
Gli argomenti presenti sul sito

 

SchedeDiGeografia.net
 
StoriaFacile.net
 
LezioniDiMatematica.net
 
www.DirittoEconomia.net
 
www.EconomiAziendale.net
 
MarchegianiOnLine.net
 

Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. 

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore. Le immagini presenti sul sito non hanno alcun rigore scientifico e hanno lo scopo esclusivo di favorire la comprensione dei testi.

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681