www.LeMieScienze.net

 

Torna alla home page

Resta aggiornato sulle novità del sito

Inviaci una mail

 

 
 

La scala Mercalli e la scala Richter

 

 Materiale per la scuola media

 

 Argomenti simili:

- La magnitudo - scuola superiore

 
 

 

 
SCALE SISMICHE 

Per poter misurare l'intensità di un terremoto si utilizzano le scale sismiche.

Due sono le scale sismiche impiegate:

  • la scala Mercalli;
  • la scala Richter.

 

 

SCALA MERCALLI

La scala Mercalli prende il nome dal sismologo italiano che la ideò.

Essa misura l'intensità di un terremoto in base ai danni da esso provocati alle cose e alle persone.

Questa scala prevede dodici gradi diversi.

Di questi 12 gradi:

  • il I rappresenta un terremoto di intensità talmente lieve da essere avvertito solamente dagli strumenti di misurazione;
  • fino al III grado il terremoto è molto leggero;
  • tra il IV e il VI grado il terremoto è percepito dalle persone e i danni iniziano ad essere via via maggiori;
  • a partire dal VII grado i danni agli edifici sono sempre più evidenti e si iniziano ad avere feriti e vittime;
  • il XII grado comporta la distruzione di tutti gli edifici e moltissime vittime. 

 

Più nel dettaglio i gradi della scala Mercalli sono:

  • I grado - strumentale - è un terremoto che viene rilevato solamente dai sismografi;
  • II grado - leggerissimo - avvertito solamente ai piani alti delle case;
  • III grado - leggero - avvertito da poche persone, si hanno oscillazioni degli oggetti appesi;
  • IV grado - mediocre - avvertito nelle case, oscillano i lampadari, vibrano porte e finestre;
  • V grado - forte - avvertito in casa e all'aperto, anche da chi dorme;
  • VI grado - molto forte - si hanno lesioni nei muri, cadono gli intonaci, i vetri si rompono;
  • VII grado - fortissimo - cadono i comignoli, si verificano frane;
  • VIII grado - rovinoso - i muri vengono lesionati o crollano. Ci possono essere alcuni feriti;
  • IX grado - disastroso - gli edifici subiscono gravi danni e alcuni crollano, si verificano fratture nel terreno, rotture di tubature sotterranee. Ci sono molti feriti e alcune vittime; 
  • X grado - molto distruttivo - crollano molti edifici, si hanno gravi danni alle dighe, molte frane e crepacci, leggere deviazioni dei binari. Molte sono le vittime e tantissimi i feriti;
  • XI grado - distruttivo -  il crollo interessa quasi tutti gli edifici, le tubature sotterranee sono quasi completamente distrutte, si hanno grandi deviazioni dei binari, molte frane e crepacci. Numerose sono le vittime;
  • XII grado - catastrofico - il terremoto provoca la distruzione totale di tutte le opere umane (case, palazzi, strade, tubature, ecc...) e uno sconvolgimento del suolo. Tantissime sono le vittime.

 

 

LIMITI DELLA SCALA MERCALLI

Il limite principale della scala Mercalli è che essa esprime l'intensità di un terremoto in base ai danni provocati, di conseguenza si tratta di una misurazione piuttosto empirica.

Se, ad esempio, si verificano due terremoti di pari intensità, uno nel deserto e un altro in un centro abitato privo di costruzioni antisismiche, è evidente che il primo provocherà pochissimi danni alle cose e alle persone rispetto al secondo. Di conseguenza, al primo verrà assegnato un grado della scala Mercalli piuttosto basso, mentre al secondo verrà assegnato un grado più elevato, pur avendo i due terremoti la stessa intensità.

La stessa cosa accadrebbe, ad esempio, se i due terremoti di pari intensità si verificassero, uno in un centro abitato dove le costruzioni sono tutte antisismiche, e l'altro in un centro abitato con costruzioni non antisismiche.

I due esempi fatti fanno comprendere come la scala Mercalli, poiché misura il terremoto in base ai danni che esso provoca, può non esprimere in modo adeguato la sua intensità.

 

SCALA RICHTER

Oggi, sempre più, si preferisce usare la scala Ritcher per la misurazione dell'intensità di un terremoto. 

Questa scala fu ideata dall'omonimo sismologo statunitense e si basa sulla determinazione della quantità di energia liberata durante il terremoto, detta magnitudo.

La scala Ritchet, quindi, non prevede una divisione in gradi, ma misura la magnitudo all'ipocentro grazie alle oscillazioni registrate dai sismografi.

Per questa ragione essa è molto più oggettiva rispetto alla scala Mercalli.

Un terremoto di magnitudo zero è un terremoto con un energia di 105 J (che si legge Joule, ovvero l'unità di misura dell'energia).  Ogni valore superiore corrisponde ad un terremoto che sprigiona una energia 30 volte superiore a quello precedente.

 

SCALA MERCALLI E SCALA RICHTER

Di seguito riportiamo una tabella con i valori della scala Mercalli e i corrispondenti valori della scala Richter.

 

Grado Mercalli

Magnitudo

I 1,5
II 2,5
III 3
IV 3,5
V 4,5
VI 4,5
VII 5
VII 5,5
IX 6
X 7
XI 8
XII 8,7

 

Altri argomenti sul modellamento della Terra, sui vulcani e i terremoti

 

 

 
 
 
Gli argomenti presenti sul sito

 

SchedeDiGeografia.net
 
StoriaFacile.net
 
LezioniDiMatematica.net
 
www.DirittoEconomia.net
 
www.EconomiAziendale.net
 
MarchegianiOnLine.net
 

Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. 

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore. Le immagini presenti sul sito non hanno alcun rigore scientifico e hanno lo scopo esclusivo di favorire la comprensione dei testi.

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681