CHE COS'È LA CAPITALLARITÀ DELL'ACQUA?

Materiale per la scuola media

PRINCIPIO DEI VASI COMUNICANTI

Sappiamo che, se versiamo del liquido in due o più recipienti tra loro comunicanti, il liquido si dispone in modo da raggiungere lo stesso livello in tutti i vasi.

Questo principio è noto come principio dei vasi comunicanti.


Principio dei vasi comunicanti

TUBI CAPILLARI

Si chiamano tubi capillari dei tubi aventi una sezione molto piccola.

CAPILLARITA' DELL'ACQUA

Procuriamoci due vasi comunicanti, di cui uno sia un tubo capillare.

Ora versiamo dell'acqua nel recipiente più grande: noteremo che essa non raggiunge lo stesso livello in entrambi i vasi, bensì essa raggiunge nel tubo capillare, un livello più alto di quello dell'acqua presente nell'altro recipiente.


Capillarità dell'acqua

Ciò significa che il principio dei vasi comunicanti non vale se si usano tubi capillari.

Questo fenomeno è detto capillarità dell'acqua.

Si può osservare che, tanto minore è la sezione del tubo capillare, tanto maggiore è l'aumento del livello dell'acqua.


Capillarità dell'acqua

Lo stesso fenomeno lo notiamo se immergiamo in un ampio recipiente pieno di acqua un tubo molto sottile, come una cannuccia.

CAPILLARITA' DEL MERCURIO

Se ripetiamo l'esperimento usando due vasi comunicanti di cui uno sia un tubo capillare e, anziché versare nel primo dell'acqua vi versiamo del mercurio, noteremo che il livello del liquido nel tubo capillare sarà più basso rispetto a quello dell'altro vaso.

Da cosa nasce questa differenza?

Se il liquido che usiamo bagna le pareti dei vasi si verifica un innalzamento del livello nel tubo capillare, come nel caso dell'acqua.

Se il liquido che usiamo non bagna le pareti dei vasi si verifica una depressione del livello nel tubo capillare, come avviene con il mercurio.


Capillarità del mercurio

 
 


SchedeDiGeografia.net

Storiafacile.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

EconomiAziendale.net

MarchegianiOnLine.net