www.LeMieScienze.net

 

Torna alla home page

Resta aggiornato sulle novità del sito

Inviaci una mail

 

 
 

Il clima del futuro

 

 Materiale per la scuola superiore

 

Argomenti simili:

 

- Cos'è il buco dell'ozono? - scuola elementare

- L'inquinamento dell'aria - scuola elementare

- L'inquinamento atmosferico - scuola media

- L'effetto serra - scuola superiore

- L'inquinamento atmosferico - scuola superiore

 
 

 

 
CLIMA DEL FUTURO

Dire quale sarà il clima nel futuro sicuramente non è agevole: tanti sono i fattori naturali che influenzano il clima. 

Quello che è certo è che in epoche recenti, a tali fattori naturali, si è aggiunta l'attività dell'uomo che, con il riscaldamento domestico, le attività delle industrie, il traffico automobilistico, contribuisce all'aumento della temperatura dell'atmosfera.

 

CONCENTRAZIONE DI ANIDRIDE CARBONICA NELL'ARIA

La concentrazione di anidride carbonica nell'aria è espressa in parti per milione (ppm) ed essa indica quante molecole di CO2 (anidride carbonica) sono presenti in un milione di molecole d'aria.

Secondo gli scienziati, dalla rivoluzione industriale ad oggi, la concentrazione di  CO2 presente nell'aria è passata da 280 ppm a 380 ppm.

Andando molto a ritroso nel passato possiamo dire che 800 mila anni fa tale concentrazione era di 240 ppm. A dimostrarlo sono i ghiacci dell'Antartide nei quali sono racchiusi gas atmosferici e polveri delle ere preistoriche. Nelle fasi successive si sono alternati periodo con temperature alte ad altri contraddistinti da basse temperature ai quali hanno corrisposto, rispettivamente, aumenti e diminuzioni della concentrazione di anidride carbonica presente nell'aria.

 

EFFETTO SERRA

Attualmente viviamo in una fase calda nella quale la concentrazione dell'anidride carbonica presente nell'atmosfera è cresciuta moltissimo rispetto al passato e si assiste ad un fenomeno di riscaldamento globale denominato effetto serra.

Tutto questo fa presupporre che le temperature medie continueranno ad aumentare anche nel futuro con il conseguente scioglimento dei ghiacciai continentali e delle calotte polari. Ciò provocherebbe l'innalzamento del livello dei mari e degli oceani che andrebbero a ricoprire molte zone costiere della superficie terrestre.

 

RETROAZIONE POSITIVA E RETROAZIONE NEGATIVA

Prevedere ciò che accadrà nel futuro a livello climatico è estremamente difficile perché, di fronte all'effetto serra, si potrebbero innescare meccanismi:

  • che accentuano il fenomeno. Si parla in questi casi di retroazione positiva;
  • che contrastano il fenomeno. Si parla in questi casi di retroazione negativa.

 

Sono esempi di retroazione positiva:

  • l'aumento della temperatura provoca una maggiore evaporazione dei mari e degli oceani. La maggiore quantità di vapore acqueo, che è anch'esso un gas serra, porta ad un ulteriore innalzamento della temperatura;
  • l'aumento della temperatura genera lo scioglimento delle nevi e dei ghiaccia. Le superfici che, di conseguenza, rimangono scoperte, essendo più scure, assorbono una maggiore quantità di raggi solari contribuendo, così, ad un ulteriore aumento della temperatura.

 

Sono esempi di retroazione negativa:

  • l'aumento della temperatura produce una maggiore evaporazione dei mari e degli oceani. La maggiore quantità di vapore acqueo determina una maggiore formazione di nuvole che riflettono i raggi solari portando ad una riduzione della temperatura;
  • l'aumento dell'anidride carbonica presente nell'aria fa crescere le piante e le alghe le quali la usano nella fotosintesi clorofilliana. L'aumento della vegetazione provoca un maggior assorbimento di anidride carbonica ed una riduzione dell'effetto serra.
 

 

 Altri argomenti sul tempo e sul clima

 

 

 
 
 
Gli argomenti presenti sul sito

 

SchedeDiGeografia.net
 
StoriaFacile.net
 
LezioniDiMatematica.net
 
www.DirittoEconomia.net
 
www.EconomiAziendale.net
 
MarchegianiOnLine.net
 

Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. 

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore. Le immagini presenti sul sito non hanno alcun rigore scientifico e hanno lo scopo esclusivo di favorire la comprensione dei testi.

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681